Sustainability

Gli ultimi decenni hanno visto l’unione Europea sempre più impegnata sul fronte della sostenibilità, specialmente riguardo le policy energetiche interne.

Nel settore energetico, dal 2009, la Direttiva sulle Energie Rinnovabili richiede che almeno il 20% dell’energia prodotta e utilizzata, nell’Unione Europea, provenga da fonti rinnovabili. Per raggiungere questo obiettivo, un ruolo fondamentale viene giocato dall’utilizzo di materie prime rinnovabili per la produzione di biocarburanti e bioliquidi sostenibili come risorsa energetica e termica, in quanto alternative ai combustibili fossili.

Solo i biocarburanti e i bioliquidi conformi alla Direttiva 2009/28/CE (RED) possono accedere ai programmi di supporto governativi e/o contribuire all’obiettivo obbligatorio di riduzione delle emissioni di gas effetto serra di ciascun paese membro.

Uno stretto controllo sull’intera supply chain è di primaria importanza per soddisfare i requisiti della direttiva RED. Una completa e dettagliata tracciabilità di materie prime, prodotti intermedi, sottoprodotti, e rifiuti è la chiave per garantire una reale riduzione di emissioni di CO2.

Contestualmente è necessario evitare il cambiamento indiretto dell’uso del suolo per la produzione di biocarburanti. A questo scopo, dal 2015, la direttiva ILUC 2015/1513 (Indirect Land Use Change) include, tra le informazioni da inviare agli Stati Membri annualmente, i valori stimati di emissioni dovute al cambiamento indiretto dell’uso del suolo per i biocarburanti commercializzati, aumentando quindi la loro importanza nel settore oil & gas.

 

Con una profonda conoscenza del contesto normativo e dei mercati in continuo cambiamento, Etacarinae è in grado di offrire servizi atti ad assicurare la sostenibilità del business dei propri clienti e una totale conformità con la normativa attuale.

This post is also available in: enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) deDeutsch (Tedesco) esEspañol (Spagnolo) zh-hant繁體中文 (Cinese tradizionale)